Ombretta Calco

La Palestra del Teatro

di Sergio Pierattini
con Milvia Marigliano 
regia Peppino Mazzotta 
scene Roberto Crea 
costumi Rita Zangari
disegno luci Paolo Carbone 
scenotecnica Angelo Gallo 
una produzione Rossosimona 
in collaborazione con Officine Vonnegut

Chi è Ombretta Calco? Perché si è seduta su una panchina in una giornata torrida di luglio, a pochi passi dal portone di casa sua? Perché deve ripercorrere gli eventi della sua vita scavando ossessivamente nei ricordi? E perché deve ingaggiare un duello con sé stessa come se fosse una resa dei conti? Ombretta sta facendo un viaggio, il più importante della sua vita. Un viaggio fuori dai vincoli del tempo e dello spazio. Mentre procede senza soluzione di continuità, nel passare in rassegna i momenti più significativi della sua normalissima esistenza (lavoro d’ufficio, qualche svago, un matrimonio fallito, una nuova relazione, un fratello inetto, una madre anziana a cui badare...), Ombretta ne comprende progressivamente il senso. Riemergono dettagli e colori che danno nuova luce ad una vita vissuta con sincera ingenuità, senza risparmi. Fallimenti, dolori, frustrazioni, illusioni, tenerezze, slanci incoscienti verso un futuro che sarà sicuramente migliore... Alla fine del viaggio, come premio per questa ricostruzione meticolosa, buffa e straziante, c’è forse la felicità. Una felicità non eclatante, semplice, discreta, ma necessaria.

“Milvia Marigliano offre una magistrale prova di sensibilità interpretativa, mantenendosi sempre sottilmente a cavallo tra un’irresistibile vena comica e una nota sottilmente dolente.” Renato Palazzi, Il Sole 24 ORE

Teatro Mina Mezzadri Santa Chiara - Brescia