Traviata, l'intelligenza del cuore

Stagione di ProsaSerie Azzurra

di Lella Costa e Gabriele Vacis 
regia Gabriele Vacis
con Lella Costa
costumi Antonio Marras 
musica Giuseppe Verdi, Franco Battiato, Tom Waits, Marianne Faithfull
pianoforte Davide Carmarino
soprano Scilla Cristiano, Francesca Martini
tenore Giuseppe di Giacinto, Lee Chung Man (in alternanza) 
scenofonia e luminismi Roberto Tarasco
produzione Mismaonda
in collaborazione con Società dei Concerti di Parma

La Traviata come pretesto per parlare delle donne: della loro bellezza e della loro luce interiore, della loro fragilità e della loro forza, della loro generosità e della loro capacità di amare e di sacrificarsi.
Nelle forme appassionate ed ironiche e con l’impegno civile che da sempre la contraddistinguono, Lella Costa torna a confrontarsi con l’opera teatrale-musicale, ideata dieci anni fa con Gabriele Vacis, che rende omaggio a tutte le “traviate” del mondo.
E lo fa non solo attualizzando un tema che continua ad essere centrale nella sua poetica - l'intelligenza del cuore - ma rivedendo radicalmente insieme al regista la messinscena e la concezione originaria dello spettacolo.
Sul palco un pianoforte accompagnerà le arie della Traviata cantate da un tenore e un soprano, consentendo a Lella Costa di intessere un dialogo impossibile con Violetta e Alfredo, mescolando con abilità e umorismo il celebre romanzo di Alexandre Dumas, il libretto di Piave e le musiche di Verdi (ma ci sono anche Battiato, Tom Waits e Marianne Faithfull), e recitando tutte le parti della storia. E non solo.
Lella Costa darà infatti voce e corpo anche a due dive scelte come simbolo dell’amore non corrisposto, Maria Callas e Marilyn Monroe.
Donne lontane ma simili, perchè in fondo, dalla signora delle camelie alle ragazze di strada sfruttate ed umiliate, “ogni donna è stata ed è una bellissima bambina, troppo spesso trasformata in merce da chi non riesce a comprenderne il bisogno d’amore e di cura”.

Teatro Sociale - Brescia


Ti potrebbe interessare anche