Il Dolore: diari della guerra

La Palestra del Teatro

tratto da Il Dolore e Quaderni della guerra
e altri testi di Marguerite Duras L’istruttoria di Peter Weiss
con Elena Arvigo
regia Elena Arvigo
regista collaboratrice Virginia Franchi
assistente alla regia Tullia Attina
disegno luci Paolo Meglio
produzione Santarita Teatro e Teatro Out Off

 

Elena Arvigo, tra le attrici più sensibili e talentuose della nuova scena, ritorna a Brescia dopo Una ragazza lasciata a metà, l’apprezzatissimo spettacolo presentato la scorsa Stagione. Dal desiderio di raccontare - attraverso la voce di una grande donna, testimone scomoda del suo tempo - uno snodo storico così complesso come quello della Seconda Guerra Mondiale e della tragedia dei campi di sterminio nasce l’idea di portare in scena Il Dolore, il diario autobiografico che la scrittrice francese Marguerite Duras scrisse a Parigi quando aspettava il ritorno di suo marito Robert Antelme, esponente di spicco della Resistenza francese deportato a Dachau. Un diario che racconta gli ultimi giorni di guerra nell’aprile del 1945, dove testimonianza storica e resoconto emotivo dell’attesa si fondono nella penna inconfondibile della Duras, in grado di descrivere con estremo coraggio la profondità dei suoi stati d’animo. È la storia della guerra delle donne che inermi attendono, attanagliate da un dolore individuale che diventa universale; e l’attesa spasmodica e divorante diviene il simbolo più flagrante dell’insensatezza e del male della guerra. La drammaturgia intreccia alle pagine de Il dolore anche quelle di altri scritti della Duras, in particolare I quaderni della guerra, e alcune riflessioni tratte da L’istruttoria di Peter Weiss. La messinscena sensibile, tesa ed emozionante di Elena Arvigo permette di entrare nel cuore di una scrittrice che ci ha fatto dono di sè attraverso pagine di straziante intimità, in bilico tra poesia e memoria, bisogno privato e testimonianza storica.

Teatro Mina Mezzadri