Rosencrantz e Guildestern sono morti

Oltre l'AbbonamentoProgetto Shakespeare

di Tom Stoppard                                                                               
traduzione Lia Cuttitta
adattamento e regia Marco Sciaccaluga                                                  
con Maurizio Bousso, Francesco Bovara, Simone Cammarata, Giulia Chiaramonte, Giada Fasoli, Elena Lanzi, Lisa Lendaro, Gianmarco Mancuso, Federico Pasquali, Laura Repetto, Francesca Santamaria Amato, Chiarastella Sorrentino
luci Aldo Mantovani
costumi a cura di Maria Angela Cerruti
produzione Teatro Nazionale di Genova

 

Lo spettacolo nasce dal lavoro condotto da Marco Sciaccaluga con i talentuosi allievi della Scuola di Recitazione del Teatro Nazionale di Genova, ed è strettamente correlato a La favola del principe Amleto. Dall’uso delle maschere, dal continuo scambio dei ruoli che connota quell’allestimento nasce l’idea di mettere in scena nello stesso spazio scenico, con gli stessi costumi e le stesse maschere, il testo che Stoppard ha dedicato ai due amici del Principe: Rosencrantz e Guildenstern. Stoppard capovolge il punto di vista, rendendo principali due personaggi secondari. L’aspetto fiabesco dell’Amleto si muta in una una riflessione sul Destino e sul Caso di cui Rosencrantz e Guildenstern, sballottati ai margini di una vicenda tragica, sono le vittime: essi cercano disperatamente un’identità, una consapevolezza, e si ritrovano morti per caso, travolti dalla grande Storia.

Teatro Mina Mezzadri