AVVISO IMPORTANTE
PROROGA SOSPENSIONE ATTIVITÀ


Informiamo che nel rispetto delle disposizioni contenute nel Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 1 aprile e nell'Ordinanza n. 514 del 21 marzo emanata da Regione Lombardia, la sospensione di tutti gli spettacoli e le attività culturali è prorogata a mercoledì 15 aprile 2020 compreso.

A causa delle chiusura totale dei teatri e dell'impossibilità di poter svolgere le prove subiranno cancellazioni, modifiche e riprogrammazioni anche tre spettacoli di produzione, previsti tra aprile e maggio: Ecuba, Racconto d'estate, Prima della pensione.

Per maggiori informazioni clicca qui

Cassandra, o dell'inganno - ANNULLATO
ANNULLATO PER CAUSE DI FORZA MAGGIORE. SI PREGA DI CONTATTARE LA BIGLIETTERIA PER INFORMAZIONI SUL RECUPERO DELLO SPETTACOLO

Impronte Teatrali

ANNULLATO PER CAUSE DI FORZA MAGGIORE.
SI PREGA DI CONTATTARE LA BIGLIETTERIA (030 2808600 - BIGLIETTERIA@CENTROTEATRALEBRESCIANO.IT) PER INFORMAZIONI SUL RECUPERO DELLO SPETTACOLO

drammaturgia Elisabetta Pozzi
con la collaborazione di Massimo Fini
musiche e disegno luci Daniele D’Angelo,
spazio scenico Guido Buganza
movimenti Alessio Romano
produzione Centro Teatrale Bresciano


Elisabetta Pozzi porta in scena una figura di strabiliante modernità, in cui convivono forza e fragilità, dando corpo e voce a un personaggio indimenticabile. In questo emozionante spettacolo il mito di Cassandra prende nuovamente vita sotto i nostri occhi, attraversando le epoche con la sua dolorosa e inascoltata capacità di preveggenza, fino a prefigurare, nel potente epilogo scritto a quattro mani con Massimo Fini, un futuro incerto per la nostra civiltà orfana di identità, in cui l’uomo moderno - con la sua incapacità di porsi dei limiti – “è ormai diventato un minuscolo ragno al centro d’una immensa tela che si tesse ormai da sola, e di cui è l’unico prigioniero”. Il compositore Daniele D’angelo ha creato una partitura musicale e sonora originale e raffinata, un filo rosso che attraversa lo spettacolo intrecciandosi alle parole alte, ipnotiche ed attualissime di Cassandra.