Noi saremo felici ma chissà quando

da Diario da Belgrado
di Biljana Srbljanovic
con Ksenija Martinovic
regia Paolo Bignamini
scene e costumi Maria Paola Di Francesco
disegno luci Simone Moretti
assistente alla regia Giulia Asselta
produzione Centro Teatrale Bresciano, deSidera Teatro de Gli Incamminati

 

Belgrado, 1999. Tra il 24 marzo e l’11 giugno, in seguito al fallimento dei negoziati di Rambouillet per la pace in Kosovo, le forze armate della Nato sferrano un attacco aereo in Serbia e Montenegro, bombardando bersagli considerati strategici, alcuni dei quali nel cuore della città di Belgrado.

L’obiettivo dichiarato dalla Nato è porre fine alla “deliberata politica di oppressione, pulizia etnica e violenza perseguita dal regime di Belgrado sotto la direzione del presidente Milošević” in Kosovo.

L’intervento internazionale, al caro prezzo di numerose vittime tra i civili, obbligherà Milošević ad accettare un piano di pace.

Durante quei giorni drammatici, sul quotidiano italiano la Repubblica viene pubblicato un vero e proprio “Diario di guerra” firmato da Biljana Srbljanovic, giovane e affermata drammaturga serba, che non vuole lasciare la città durante l’assedio.

Ed è su questa testimonianza che si basa Noi saremo felici ma chissà quando, una dura riflessione su quella guerra, su ogni guerra, diretta da Paolo Bignamini e straordinariamente interpretata dalla talentuosa Ksenija Martinovic che ha vissuto sulla propria pelle quei drammatici fatti.

Nata e cresciuta a Belgrado, nel 1999 Ksenija ha dieci anni. È ancora una bambina, ma già abbastanza grande per ricordare quelle terribili giornate in cui vive in prima persona i bombardamenti sulla città. Attraverserà poi a piedi la dogana e raggiungerà suo padre che da anni lavora stabilmente in Italia, dove resterà per alcuni mesi.

Dall’osservatorio tutt’altro che sereno dell’oggi, Diario da Belgrado risuona per Ksenija come un’eco della sua storia personale.

A più di vent’anni da quei drammatici fatti, nella nuova instabilità del nostro presente, reincontrare nuovamente quelle pagine ci mette di fronte a una specie di cortocircuito del tempo: la distanza dovrebbe darci una qualche obiettività, una sorta di lucidità di pensiero che però perdiamo subito, nella palude dei torti, delle colpe, dei crimini, delle recriminazioni.

Leggere l’esperienza della quotidianità modificata, piegata, forzata della guerra vissuta da Biljana Srbljanovic è un doloroso specchio dal quale emerge la dimensione profondamente tragica di ogni guerra, quella che porta solo lutto e sconfitta, come ben sappiamo fin dai tempi di Euripide.

Teatro Mina Mezzadri


Ti potrebbe interessare anche


Hiroshima mon amour

Hiroshima mon amour

DAL 16 MAGGIO 2023 AL 21 MAGGIO 2023

Favola

Favola

DAL 10 FEBBRAIO 2023 AL 14 FEBBRAIO 2023

A casa allo zoo

A casa allo zoo

DAL 01 FEBBRAIO 2023 AL 05 FEBBRAIO 2023

Liberi tutti!

Liberi tutti!

DAL 17 GENNAIO 2023 AL 19 GENNAIO 2023

La corsa dietro il vento

La corsa dietro il vento

DAL 06 DICEMBRE 2022 AL 11 DICEMBRE 2022

Notti

Notti

DAL 18 NOVEMBRE 2022 AL 22 NOVEMBRE 2022

Risate di Gioia

Risate di Gioia

DAL 02 NOVEMBRE 2022 AL 06 NOVEMBRE 2022

Come tu mi vuoi

Come tu mi vuoi

DAL 25 OTTOBRE 2022 AL 06 NOVEMBRE 2022

Il mercante di Venezia

Il mercante di Venezia

DAL 18 OTTOBRE 2022 AL 23 OTTOBRE 2022


soci fondatori
con il sostegno di
Partner CTB